D-Link DCS-960L controllata tramite RaspberryPi

L’installazione e configurazione di videocamere di sorveglianza o monitoraggio di ambienti domestici (interni e/o esterni) sta diventando sempre più un lavoro alla portata di tutti, quindi perché non spingersi un po’ oltre e provare a gestirne una direttamente tramite il proprio RaspberryPi 3 di fiducia e senza usare browser/app?

Nel nostro caso andremo a gestire tramite shell l’attivazione/disattivazione del rilevamento di movimento di una videocamera di monitoraggio con campo visivo a 180°, la  D-Link DCS-960L .

Hardware necessario per questo progetto:

  • un RaspberryPi
  • una videocamera D-Link DCS-960L
  • uno smartphone (serve solo all’inizio)
  • un router WiFi (con relativa rete wifi)
  • una connessione ad internet funzionante

Setup iniziale

  • Configurazione accesso ad internet
  • Configurazione rete WiFi (crittografia WPA2 e broadcasting attivo del SSID –> insomma, nome di rete “visibile” e non nascosto)
  • Montaggio e configurazione iniziale del RaspberryPi, assicurandosi che
    • sia installato il programma curl
    • sia presente e attivo il servizio ssh
    • sia attivo il collegamento al router WiFi e relativa rete
  • Configurazione dello smartphone in modo che sia collegato alla rete esposta dal  router WiFi
  • Configurazione della videocamera (il primo setup va fatto tramite smartphone)
  • Sul router WiFi (o sul vostro server DCHP domestico) fate in modo che la telecamera abbia sempre un indirizzo IP prefissato e che non cambi tutte le volte

Raccolta dati

  • tramite il vostro router WiFi / server DHCP cercate l’indirizzo IP assegnato alla videocamera
  • segnatevi il nome dell’utente di amministrazione della vostra videocamera (impostato durante la configurazione della stessa)
  • segnatevi la password dell’utente di amministrazione della vostra videocamera (impostata durante la configurazione della stessa)

A questo punto tutto è pronto per la parte di creazione del software di controllo.

Accedete via SSH al vostro RaspberryPi e create, nella vostro home o dove preferite, il file cam.sh al cui interno andrete ad inserire il seguente testo:

Mi raccomando, prima di salvare il file sostituite:

  • YOUR_ADMIN_USERNAME : lo username del vostro utente di gestione della videocamera
  • YOUR_ADMIN_PASSWORD : la password del vostro utente di gestione della videocamera
  • YOUR_CAMERA_IP_ADDRESS : l’indirizzo ip della vostra videocamera

Salvato il file dategli i permessi di esecuzione, con il classico chmod +x cam.sh .

A questo punto, se tutto è configurato correttamente e non ci sono problemi di rete e/o di firewall vari, potrete controllare tramite la shell del vostro RaspberryPi la telecamera:

  • cam.sh info : ritorna lo stato del rilevamento di movimento (enabled disabled)
  • cam.sh enable : attiva il rilevamento di movimento
  • cam.sh disable : disattiva il rilevamento di movimento
  • cam.sh toggle : “inverte” lo stato del rilevamento di movimento, se è disattivato lo attiva e viceversa

A questo punti siete liberi di integrare nei vostri progetti di domotica anche la gestione di questa videocamera amatoriale di sorveglianza (a patto che sia sempre accesa, ovviamente)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *